Home > Iniziative > L’Organo Antegnati? …Roba da ragazzi

L’Organo Antegnati? …Roba da ragazzi

Pubblicato il 15 Luglio 2019

Un progetto dedicato alle scuole per permettere ai ragazzi di scoprire ed avvicinarsi all’antico organo e al suo mondo in modo leggero, piacevole, con modalità adatte alle loro sensibilità.
Punto cardine del progetto è il racconto scritto da Emanuela Nava “La risata nella notte”, con le illustrazioni di Paolo D’Altan, per Carthusia Edizioni (2017), che è stato utilizzato nelle scuole come strumento di lavoro e studio: spunto per la realizzazione laboratori ludico-didattici multidisciplinari, visite guidate o incontri con l’autrice.

Perché i tesori storici, artistici, architettonici, musicali e ambientali meritano, con ogni mezzo, di essere valorizzati e fatti conoscere, soprattutto ai giovani che saranno i loro futuri custodi.
Perché crediamo che l’educazione al patrimonio può contribuire a far crescere i ragazzi come adulti consapevoli e cittadini attivi.
Perché un libro illustrato è un po’ un tesoro, come lo è l’Organo Antegnati che, dopo più di quattrocento anni, è ancora capace di emozionare con la sua importante presenza nella chiesa e con la sua musica.

L’iniziativa “L’Organo Antegnati?…roba da ragazzi ;-)” ha coinvolto, nell’anno scolastico 2017/2018 più di trecento ragazzi degli Istituti del comprensorio del Lemine (Almenno San Salvatore, Almenno San Bartolomeo, Brembate Sopra, Sant’Omobono Terme), in collaborazione con la Cooperativa Sociale Onlus Abibook e l’Associazione Milleunanota, l’Antenna Europea del Romanico, Fondazione Lemine e il sostegno della Fondazione della Comunità Bergamasca. “La risata nella notte” è stato utilizzato come strumento di lavoro, conoscenza e divulgazione. Si sono svolti incontri con l’autrice, laboratori musicali-didattici e visite guidate all’antico organo. Il 6 giugno 2018 “La risata nella notte” è diventato un saggio musicale ispirato al racconto di Emanuela Nava rappresentato da circa 130 bambini, guidati dai loro inseganti, nella chiesa di San Nicola dalle Classi V dell’Istituto comprensivo L. Angeli di Almenno San Bartolomeo di fronte ad un numeroso pubblico.

Condividi su