Organo Antegnati > eventi > In Tempore Organi Voci et Organo Insieme

Contributi

regione_lombardia (4K)

Patrocinii

logo_prov (1K)Provincia di Bergamo

logo_ass (1K)Comune di Almenno San Salvatore

Ringraziamenti

logo_algra (1K)Ditta Algra

logo_entefiera (6K)Ente Fiera degli Uccelli

logo_lurani (1K)Azienda Lurani

logo_biblio (1K)Biblioteca di Almenno San Salvatore

logo_popolare (2K)



In Tempore Organi Voci et Organo Insieme

Chiesa di San Nicola - Almenno San Salvatore (BG) - Settembre Ottobre 2010. Ingresso libero

Scarica il programma

Luigi Panzeri

Diplomatosi in organo sotto la guida di M.Valsecchi, ha successivamente frequentato vari corsi di perfezionamento con illustri docenti. Collabora regolarmente con il gruppo vocale "Cappella Mauriziana"di Milano, è organista della Parrocchia di Almenno S.Salvatore e direttore della locale Schola con la quale ha spesso allestito programmi inusuali. Si occupa della ricerca e trascrizione del repertorio vocale-strumentale cinque/seicentesco ed ha pubblicato studi sull"arte organaria. Dal 1996 è titolare dell"organo Costanzo Antegnati (1588) di Almenno S.Salvatore..

Riccardo Panigada

Riccardo Panigada nasce a Bergamo nel 1954; dopo gli studi liceali, si laurea in Architettura presso l"Università agli Studi di Genova nel 1979. Nello stesso anno sostiene l"Esame di Stato per la libera professione e si iscrive poi all"Albo degli Architetti della Provincia di Bergamo, al quale tuttora appartiene. Nel frattempo, sempre più interessato alle problematiche inerenti la storia dell"arte e a quelle dell"architettura in particolare, memore dell"insegnamento di studiosi come il romano Zander e il piemontese Carboneri, ne approfondisce lo studio, dedicandosi a ricerche e collaborando a scritti e libri sull"argomento. Nel 1986, dopo varie esperienze in scuole superiori e aver superato il concorso statale per l"insegnamento, diviene docente presso il Liceo Scientifico Statale Lorenzo Mascheroni di Bergamo, presso il quale anche oggi lavora curando soprattutto gli aspetti didattici della disciplina. Da molti anni ha intrapreso infine l"attività di divulgazione delle problematiche artistiche tenendo incontri e conferenze in collaborazione con enti pubblici e istituzioni private. Dal 2010 è direttore del Museo San Martino di Alzano Lombardo..

Mario Valsecchi

Ha studiato Organo e Composizione organistica sotto la guida del M. Enzo Corti, diplomandosi al Conservatorio "G. Verdi" di Milano. Ha frequentato diversi corsi di perfezionamento e di interpretazione diretti da J. Langlais, T. Koopman e H. Vogel. Si è dedicato, inoltre, allo studio del canto, della polifonia vocale e della direzione. Svolge attività concertistica come organista (solista, in formazioni cameristiche e orchestrali) e come direttore. Alla guida della Cappella Mauriziana di Milano sin dalla fondazione, ha tenuto concerti in Italia e all"estero, riscuotendo apprezzamenti per le doti di sicura musicalità e coerenza stilistica. Ha realizzato incisioni discografiche di Cantate sacre e profane di G. Legrenzi; ha collaborato all"incisione del Settimo Libro di Madrigali di C. Monteverdi, di Mottetti di F. Mendelssohn e della Missa Brevis di B. Britten. E" sopranista del gruppo vocale I Divoti Falsetti di Milano. E" direttore artistico e musicale dell"Orchestra da Camera Nova et Vetera di Lecco con la quale ha realizzato, oltre a numerosi programmi strumentali, gli Oratori Jephta di G. F. Händel e la Giuditta di A. Scarlatti, lo Stabat Mater e alcune Messe di F. J. Haydn, Cantate Sacre di J. S. Bach e F. Mendelssohn. Svolge attività didattica presso l"Accademia Internazionale della Musica di Milano. E" Maestro di Cappella e Organista titolare nella Chiesa Arcipresbiterale di S. Martino in Calolziocorte (Organo Serassi 1795 / Balbiani Vegezzi Bossi 1933). Dal novembre 1996 dirige la rinata Cappella Musicale del Duomo di Bergamo.

Gian Luca Baio

Gian Luca Baio, nato a Caprino Bergamasco (BG) nel 1965, si è laureato in Archeologia classica nel 1990 presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano con una tesi sull’urbanistica della colonia romana di Luna e ha esercitato per alcuni anni la professione di operatore archeologico in collaborazione con alcune Soprintendenze di Stato dell’Italia settentrionale.
Dal 1994 si è quindi impiegato nell’ambito della struttura bibliotecaria provinciale bergamasca, occupandosi per alcuni anni della direzione della Biblioteca comunale di S. Omobono Terme. Attualmente è responsabile dell’Ufficio cultura e istruzione della Comunità Montana Valle Imagna. In anni recenti si è occupato dello studio e della curatela di alcune pubblicazioni relative alla letteratura e alla pubblicistica tardo ottocentesca, interessandosi ad autori come Antonio Ghislanzoni, Ferdinando Fontana, Salvatore Farina e Neera. Collabora in qualità di pubblicista con il quotidiano la Provincia di Lecco.

Ensemble Corelli

L"Ensemble “A. Corelli” è una delle numerose formazioni cameristiche operanti all’interno dell’Associazione Nova et Vetera – Orchestra da Camera – di Lecco.Maria Antonietta Puggioni, violoncellista, presidente dell’Associazione, Mario Valsecchi, organista,direttore artistico e musicale, Luigi Panzeri, organista e cembalista, collaborano con violinisti diversi
nella formazione dell’Ensemble. Il presente programma musicale, dedicato all’Opera Quinta di Arcangelo Corelli (1653 – 1713), Sonate “a due” – violino e basso continuo, li vede impegnati nell’accompagnamento della violinista Cinzia Barbagelata. L’Ensemble “A. Corelli” si dedica, in particolare, al genere barocco della “Sonata a tre” che, nelle due tipologie “da camera” e “da chiesa”, rappresenta una delle espressioni strumentali più praticate tra Sei e Settecento, in particolare dai musicisti italiani. L’indicazione esplicita “a tre” prevede in realtà la presenza di un numero maggiore di esecutori, poiché, oltre alle tre parti reali, due violini e violoncello, comprende la partecipazione di strumenti da tasto (clavicembalo, spinetta, organo) o a pizzico (liuto, tiorba) in numero variabile, che realizzano le armonie.

Cappella Mauriziana

Il Coro da Camera Cappella Mauriziana di Milano, diretto fin dalla fondazione da Mario Valsecchi, si è costituito nel 1986. Finalità dell’associazione è quella di dedicarsi allo studio e all’interpretazione della letteratura corale di ogni tempo, con particolare attenzione al repertorio italiano e tedesco tardo-rinascimenatale, barocco e classico. In quest’ottica, molto intenso è il lavoro di ricerca, revisione, trascrizione e allestimento di composizioni ancora sconosciute o di rara frequentazione. Tale scelta operativa porta spesso la Cappella Mauriziana alla presentazione di programmi musicali in prima esecuzione moderna come, per esempio, il Vespro della Beata Vergine di Alessandro Grandi (?-1630) e alla pubblicazione di testi musicali antichi inediti. Il ‘taglio specialistico’ sin qui delineato non ha impedito al Coro di accostarsi anche a capolavori della musica corale quali la Messa da Requiem di W. A. Mozart, la Nelson Messe e la Missa Sancti Nicolai di F. J. Haydn; dello stesso autore ha interpretato l’Oratorio La Creazione. Non mancano nel curriculum della Cappella Mauriziana appuntamenti con la musica contemporanea, come la partecipazione, con il gruppo inglese Hilliard Ensemble all’esecuzione, avvenuta a Milano, Torino e Verona, della Passione secondo Giovanni di Arvo Pärt; una ripresa “in proprio” di quest’opera è stata realizzata nella primavera del 1999 a Milano (in Sant’Ambrogio) e nel Duomo di Bergamo. L’attività svolta ha visto il Coro esibirsi in numerose località italiane, in Svizzera e in Germania, suscitando nel pubblico e nella critica apprezzamenti per le doti di sicura musicalità e aderenza stilistica ai repertori eseguiti. Numerosi i direttori ospiti e i cantanti con i quali la Cappella Mauriziana ha collaborato. Programmi vocali-strumentali sono stati realizzati con Il Giardino Armonico, l’orchestra Kammersymphonie, l’orchestra dell’Angelicum, l’orchestra da camera Il Quartettone. Nel 1998 è iniziata la collaborazione con l’Orchestra da Camera Nova et Vetera di Lecco che ha
prodotto l’allestimento di opere quali lo Stabat Mater, la Missa in Angustiis e la Missa S.ti Joannis de Deo di F. J. Haydn, l’Oratorio La Giuditta di A. Scarlatti, Cantate sacre di F. Mendelssohn e musiche corali sacre di W. A. Mozart. Unitamente alla Cappella Musicale del Duomo di Bergamo ha realizzato programmi monografici dedicati a G. Carissimi, A. Grandi, A. Vivaldi, A. Caldara, L. Rossi, J. Haydn e B. Pasquini.

Pietro Modesti

Nato nel 1984, consegue nel 2007 la Laurea di primo livello in Tromba presso l’Istituto Musicale “Gaetano Donizetti” di Bergamo. Parallelamente frequenta il corso di Musica da Camera per Ottoni sotto la guida di Alessandro Castelli, presso la scuola civica di Casatenovo Brianza; prende lezioni anche da Giancarlo Parodi, docente del biennio superiore presso il conservatorio di Adria e frequenta diverse masterclasses tenute da Reinhold Friederich, Andrea Guffredi, Gabriele Cassone, Roberto Rossi, Edward Carroll.
Si è dedicato all’attività didattica presso le scuole civiche o di orientamento musicale di Brivio, Medolago, Nese, Osio Sopra, Osio Sotto, Romano Lombardo, Trezzo d’Adda; presso il liceo a curvatura musicale “don Milani” di Romano Lombardo; presso il corpo musicale “Elia Astori” di Nese.
Da circa dieci anni partecipa all’attività dell’associazione musicale “Musica Ragazzi” diretta dal M° Francesco Chigioni.
Ha partecipato alla stagione lirica 2007 allestita dal Teatro Donizetti di Bergamo in veste di 1ª Tromba solista in palcoscenico e come 2ª tromba di fila in Buca.
Inoltre ha collaborato con “L’orchestra della Bassa Bergamasca” diretta da Angelo Giussani, con l’orchestra “Filarmonia” diretta da Paolo Belloli, con l’orchesta “Enea Salmeggia” diretta da Fabio Piazzalunga, con il gruppo fiati “Musica Aperta” di Bergamo diretto da Pieralberto Cattaneo.
Dal 2009, dopo aver partecipato a due masterclasses con i cornettisti William Doungois e David Yacus, è ammesso alla Schola Cantorum Basiliensis (Basilea), nella classe di Cornetto tenuta da Bruce Dickey.

Tomoko Nakahara

Il soprano Tomoko Nakahara, nata in Giappone, si è laureata in canto presso l’Università di Mukogawa sotto la guida di Andrea Barandoni, conseguendo poi un master presso la medesima università. In Italia dal 1997, si è perfezionata in canto con Romolo Gazzani, in canto rinascimentale e barocco con Claudine Ansermet. Si è specializzata, presso l’Accademia Internazionale della Musica di Milano, conseguendo il diploma in Polifonia Rinascimentale sotto la guida di Diego Fratelli. Ha ottenuto presso l’Accademia di Musica e Danza “F. Gaffurio” di Lodi il diploma del “Laboratorio permanente di Musica Italiana del Seicento” diretto da Roberto Gini.
Nel 2000 ha conseguito il primo premio del concorso indetto dal Rotary Club, per la sezione di musica antica.
Da molti anni svolge intensa attività concertistica in Giappone e in Italia come solista e come membro di vari gruppi di musica antica, collaborando con artisti quali Flavio Colusso, Mario Valsecchi, Yoshimichi Hamada, Gianluca Capuano.
Ha ricoperto il ruolo di Amina nella Sonnambula di Bellini, quello di Fiordiligi nel Così fan tutte di Mozart e di Gilda nel Rigoletto di Verdi. Ha partecipato come solista alle esecuzioni del Vespro della Beata Vergine di Monteverdi, del Vespro di Alessandro Grandi, del Magnificat e Gloria di Vivaldi, dell’Oratorio La Giuditta di Scarlatti, dell’Oratorio de Noël di Saint-Saëns, del Weihnachtsoratorium (Oratorio di Natale) di Bach, della Nelson Messe di Haydn, delle Messe di Mozart KV 259 e 317. Ha altresì tenuto diversi concerti liederistici presso il Centro Italo – Tedesco di Villa Vigoni a Menaggio.
Recentemente ha tenuto numerosi concerto in duo col liuto, ottenendo il favore della critica.

Maurizio Croci

Diplomatosi in organo e composizione organistica ed in clavicembalo presso i conservatori di Milano e Trento, in seguito si è perfezionato per un quadriennio alla Schola Cantorum Basiliensis, nelle classi di organo e clavicembalo di Jean-Claude Zehnder e Andrea Marcon.
Parallelamente alla sua formazione musicale si è laureato in Musicologia all’Università di Friburgo (Svizzera) sotto la direzione di Luigi Ferdinando Tagliavini.
Laureato al Concorso internazionale « Paul Hofhaimer » di Innsbruck (1998)  svolge un’intensa attività concertistica come organista e clavicembalista in tutta Europa, Russia e Giappone. In occasione del 250° anniversario della morte ha eseguito a Berna l’opera integrale per organo di Johann Sebastian Bach.
Ha registrato per la radio e la televisione e pubblicato Cd dedicati, tra gli altri, a G. Frescobaldi, J. S. Bach, G. F. Kauffmann ed alla scuola organistica della Germania meridionale (Tactus, Stradivarius).  Di recente realizzazione: i Fiori Musicali di Girolamo Frescobaldi, i 6 concerti a due organi di Antonio Soler in duo con Pieter  van Dijk (Brilliant) e la produzione  “Bach, Haendel,  Scarlatti” (RSI - Rete Due – Stradivarius).
È regolarmente invitato a tenere masterclasses e come membro di giurie di  concorsi internazionali (Tolosa, Landsberg, Borca). Ha pubblicato articoli di musicologia.
Maurizio Croci è professore di organo e clavicembalo presso la  Haute Ecole de Musique di  Losanna e presso il dipartimento di musica antica dell’Accademia internazionale della Musica di Milano (ex Scuola Civica).
È organista titolare della chiesa del Collegio St-Michel a Friburgo e della Basilica della SS. Trinità di Berna e direttore artistico dell’Académie d’Orgue de Fribourg.